Musica per l’anima

si ringrazia Lyfestyle Yoga Padova
per la bella playlist proposta qui sotto.

Pubblicato in il mondo invisibile | 4 commenti

Weather Report

La catastrofe, nel manifestarsi nei rapporti di potere e di dominio, non solo è già avvenuta ma continua ad accadere, incessantemente e a ritmo costante.
L’intervallo di tempo tra un episodio di violenza e l’altro esiste solo in virtù di una funzione riflessiva, laddove ancora possibile, sulla assurdità e l’impossibilità di compiere qualsiasi atto umano in risposta.
I rapporti di potere non sono “relativi” ma unilaterali e impermeabili a qualsiasi manipolazione.
Sulla pelle dei più deboli, degli esclusi, leggiamo i segni di tale antica e morbosa danza tra oppressi ed oppressori. Di tutto, la burocrazia ne conserva le tracce: in edifici, protocolli, marche da bollo.
Di tutto questo la comunicazione ha da dare conto.
Pubblicazioni:
2009 : La città di Alice.
2015 : Come capitani coraggiosi sul sito dedicato e in pubblicazione anche su questo blog.
Pubblicato in economia della condivisione | 2 commenti

una cittadina di provincia: Dogville e i suoi cittadini

Dogville di Lars Von Trier, Iris, ore 1,00. Domenica 26 marzo 2017.Il vertice – insieme a Le onde del destino – di quel maestro senza se e senza ma che è Lars von Trier. Con una Nicole Kidman nel suo momento aureo, poco dopo Eyes Wide Shut, e qui indimenticabile, nella sua interpretazione della vita.…

via Un film-capolavoro stasera in tv: DOGVILLE di Lars Von Trier (dom. 26 marzo 2017, tv in chiaro) — Nuovo Cinema Locatelli

40

Pubblicato in polis | Lascia un commento

Patologie del contemporaneo

Pubblicato in antropologia | Lascia un commento

opinione e distopia – Sottomissione di Houellebecq: interpreta Francesco Dematté

‘Sottomissione’ di Houellebecq: occasione sprecata

Pubblicato in antropologia | Lascia un commento

Sam GoodMan – Nella Giungla


Sorgente: Sam GoodMan – Nella Giungla

Pubblicato in economia della condivisione | Lascia un commento

Le case nere della Scozia

Venet's

Centinaia di anni fa gli altopiani della Scozia e dell’Irlanda sono stati un riferimento per le costruzioni di abitazioni chiamate blackhouses. Queste erano edifici lunghi e stretti, spesso fissati in parallelo ad altri blackhouses, con muretti a secco e tetti di paglia resi neri da fuliggine. Il fumo proveniva da un fuoco di torba che stava acceso in ogni momento nel centro della zona cucina e del soggiorno. Per quanto spaventoso possa sembrare, le case non avevano camini, e piccole finestre che portavano ad un accumulo di fumo soffocante all’interno. Il fumo sfuoriusciva attraverso il tetto poroso, e nel processo annerava lentamente il manto erboso o di paglia .

Il fumo uccideva gli insetti che vivno nel tetto. La paglia affumicata era considerata anche un ottimo fertilizzante. Così ogni anno, il tetto veniva denudato e la paglia annerita veniva utilizzata per fertilizzare i campi, mentre il tetto nuovo veniva ricostruito con la fornitura dell’anno sucessivo.

blackhouse-isle-of-lewis-162

Blackhouses in…

View original post 418 altre parole

Pubblicato in economia della condivisione | Lascia un commento

Note D’Amianto – Il Sermone del Politico [con Natalino Balasso]

Pubblicato in polis | Lascia un commento

Claudio Damiani

Ci dica, come fa a fare queste scarpe così belle? – Ci dica, come fa a fare queste scarpe così belle? – Mah, io sono un artigiano, lavoro. Vede io lavoro, non faccio altro che lavorare. La mattina mi alzo, e giù a lavorare. Vado avanti come un treno. Se mi fermassi, sarei come un…

via Claudio Damiani — Interno Poesia

Pubblicato in economia della condivisione | Lascia un commento