ANTONIO VIVALDI: “L’Inverno”

Letture/Lecturas

ANTONIO VIVALDI (Venezia 1678 – Vienna 1741) – Concerto in Fa minore per violino, archi e continuo “L’Inverno”, op. VIII n. 4 / RV 297, da “Il cimento dell’armonia e dell’invenzione” 1725

Trascrizione per organo del Maestro Luigi Scopel

Organo Callido 1791 della Chiesa dei Ss. Simone e Taddeo di Borca di Cadore.

I. Allegro non molto (00:00)
II. Largo (03:30)
III. Allegro (05:11)

Nelle foto: Partitura della prima esecuzione.

View original post

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

2 risposte a ANTONIO VIVALDI: “L’Inverno”

  1. marcello comitini ha detto:

    Ascoltare questo brano è immergersi nelle tempeste di vento tra le fronde di antiche querce. Ora carezzate ore scosse con amorosa violenza come solo il vento sa fare in mezzo alla natura. E assistiamo al lento scendere della neve, al ricoprirsi candido delle foglie, allo scivolare dei fiocchi quando il vento scuote le fronde. all’irrigidirsi dei torrenti e al loro fremere nascosto sotto il velo di ghiaccio.
    Tutto questo l’abbiamo dimenticato, chiusi al caldo delle nostre stanze e nel buio dei nostri timori e/o fobie.
    È formale che io ringrazi Luigi per aver pubblicato sul suo blog questo brano e te, Marino per averlo rebloggato? Forse agli occhi di chi non può comprendere.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...