Bozze della performance “Le maschere non fanno paura”

l’adeguamento non ammette individualità forti
ma il movimento continuo dell’io è imprescindibile
il resto se è necessario sono appunto maschere utili/inutili

Barbara Picci

Non penserete mica che sia arrivata alla versione finale della performanceLe maschere non fanno paura” senza un lavoro di ricerca vero? I miei lavori di body-painting non sono una novità, vi ho già mostrato più volte le mie sperimentazioni in questo versante. Stavolta però è stato diverso, più consapevole, meno improvvisato. Almeno per quanto riguarda il mio sentire, la pittura invece è sempre improvvisata in questi lavori, non la preparo, la sento nel momento.
Detto questo, ecco di seguito video (a inizio e fine articolo) e foto delle diverse prove realizzate in preparazione del video definitivo. Mi interessa mostrarvelo perché ritengo importante, oltre al lavoro finale, il processo che lo ha partorito.
A seguire il testo che ha accompagnato il lavoro:

Con quale fatica indossiamo quotidianamente le nostre maschere sociali? Quale lotta perenne impegna la nostra coscienza contro la continua esigenza normalizzante di costruire nuove immagini di…

View original post 99 altre parole

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...