Mi sento come distante

LIBRIMPROBABILI


Mi sento come distante,
voglio stendermi e tacere.

Sono troppo nuda
fra la gente
che non mi vede.

Strapperò un fiore,
voglio sentire: fra le dita
la solitudine che lo contiene.


Maria Di Lanno

View original post

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...