Alberto Pellegatta — Interno Poesia

Lasciare tutto in ordine per fare finta di niente – pastiglie e terrazze meglio che fucili e rasoi. Asciuga sotto cespugli di mirto. Si inarca inconsolabile l’azzurro ruffiano degli ospedali. Non dorme mai neppure quando cedono le bestie sembra un cuore robusto. La pena ha un orario di visite. Non basta questa superficie se pure…

via Alberto Pellegatta — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...