Prima fascismu, adés no sai – FEDERICO TAVAN – FINENDO…improvvisamente (parte) di Claudio Tura e Paolo Fratte

Prima fascismu, adés no sai – FEDERICO TAVAN

11 febbraio 2015
Pubblicato da giacomo sartori

Adés
Prima fascismu
Adés no sai

Prima pan e fam
Prima dut un picjât
Adés panza e robes in pì
Adés l’obligu de chista libertât

Prima parons e gosàdes
Adés paches su li spàles

Prima dute’ li póures
Prima cjantâ
Adés duç par cont siȏ pì poura
Adés la vous ch’a mour

Adesso. Prima fascismo / Adesso non so / Prima pane e fame / Prima tutto peccato / Adesso pancia e roba in più / Adesso l’obbligo di questa libertà / Prima padroni e sgridate / Adesso pacche sulle spalle / Prima tutte le paure / Prima cantare / Adesso ognuno per sé più paura / Adesso la voce che muore.

da nazione indiana


Questa voce è stata pubblicata in laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...