la narrazione del senso ai tempi della pandemia e anche dopo (per un uso del web)

Come tutti i grandi accadimenti la pandemia, che avrà una lunga durata,
ci fa un regalo la possibilità di pensarci in modo diverso
tutte le cose normali che facevamo prima si rimescolano
e noi ci possiamo ripensare e ripensarci.
Per esempio possiamo estendere il concetto della parola cultura
prima vi era una distanza tra la vita di tutti i giorni e il nostro raccontare,
adesso il nostro fare cultura ha una nuova possibilità
le due cose possono diventate una.
Noi siamo direttamente produttori di cultura.
Hai una webcam, una macchina fotografica, un telefonino fai un video
leggi qualcosa, riprenditi, suona, riprendi una passeggiata in montagna e mettici qualche tua parola presa al momento, riprendi quello che vedi dalla tua finestra
riprendi il mondo attorno a te tutto questo è già qualcosa di creativo
anche il mondo di tutti i giorni può diventare creativo
fai un piccolo montaggio con un editor video (per esempio window movie maker)
se non hai la mia mail lascia un commento nel mio blog cosi potrò vedere la tua mail e mettermi in contatto con te
se hai un blog metti il tuo lavoro sul tuo blog
se ti va segnalamelo e sarò lieto di condividere con te le tue scoperte
altrimenti spediscimi i tuoi file audio e/o video
ovviamente sarai citato come autore, se vuoi mantenere la privacy basta che mi indichi il tuo nickname
questo invito è rivolto a tutte le lingue del pianeta in tale caso basterà allegare un piccolo testo traducibile con google traduttore in modo che si capisca quello che succede anche le cose più semplici sono immmediatamente interessanti
sono graditi solo apporti direttamente personali quindi non a carattere schematico o ideologico Da parte mia è in corso di definizione un contenitore dedicato su piattaforma wordpress.
per la spedizione degli audio video usa l’utility gratis wetransfer.com
ciao

a questo viene dato spazio nel blog :  le vite degli altri

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, editing. Contrassegna il permalink.

3 risposte a la narrazione del senso ai tempi della pandemia e anche dopo (per un uso del web)

  1. Poesiadimargine ha detto:

    Ciao Glencoe. Anche se con un po’ di ritardo, eccomi qui a ringraziarti per essere passata da me e farti sapere che leggo spesso i tuoi articoli, che sono tutti molto interessanti!

    Piace a 1 persona

    • glencoe ha detto:

      c’è sempre qualcosa che sfugge dalle dita come la sabbi aquando la si stringe in un pugno mi giro e guardo guardo dappertutto guardo a trecentosessanta gradi cosa cerco?
      potrei dire che cerco essenzialità esistenzialità e non conforto per vedere e comunicare qualcosa non si può stare bene
      tutti i grandi se si guarda nene sono stati dei disadattati con vite rovinose io non sono certo un grande ma lo sguardo non ammette qualcosa di diverso

      "Mi piace"

    • glencoe ha detto:

      mi scuso per quanto scritto è stato uno sfogo che nulla centrava guarderò con attenzione a quello che fai

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...