Quattro passi nei boschi della tecnologia: il browser

Clio

Come districarsi nei rovi spinosi dei termini ostici e uscirne vincenti

A chi mi avesse detto all’inizio dell’anno che presto ci sarebbe stata una pandemia e che le nostre vite sarebbero cambiate per sempre a causa di un nuovo banale virus influenzale, gli avrei risposto che non ci avrei creduto. E invece…

Oltre alle cose negative che questo coronavirus ci ha portato, ci sono anche cose positive. La tecnologia, che fino a poco tempo prima potevamo guardare con disprezzo a causa di un linguaggio spesso ostico, adesso ci può venire incontro.

Inizio una rubrica settimanale che dovrebbe servire a chiarire molti dei termini di cui non conosciamo il significato, ma che usiamo quotidianamente. Aiutandoci a superare le barriere che spesso ci scoraggiano dall’usare i mezzi tecnologici.

Pensiamo a come questi mezzi possono farci raggiungere i nostri obiettivi o i nostri desideri. È vero che non possiamo uscire, ma possiamo aprire…

View original post 361 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a  Quattro passi nei boschi della tecnologia: il browser

  1. Isabella ha detto:

    Grazie per la pubblicazione sul tuo blog del mio articolo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...