POSTMODERNO: DAL DECOSTRUZIONISMO AL NUOVO ILLUMINISMO (INTRO A MANIFESTO DEL NUOVO REALISMO)

AVANGUARDIA -А MORIR-

Carattere fondamentale della filosofia contemporanea: New realism a indicare come il pendolo del pensiero, che dal novecento inclinava verso l’antirealismo nelle sue versioni (ermeneutica, postmodernismo, “svolta linguistica” ecc.) con il tornante del secolo si era spostato verso il realismo (ontologia, scienze cognitive, estetica come teoria della percezione, ecc.). Nuovo realismo per indicare qualcosa di già esistente, così come Marx e Engels scrivendo “uno spettro si aggira per l’Europa” non intendevano scoprire il comunismo ma constatare che i comunisti erano tanti. L’elaborazione del realismo è stata il filo conduttore del lavoro di Ferraris dopo la svolta, all’inizio degli anni ’90, che lo portò ad abbandonare l’ermeneutica per proporre un estetica come teoria della sensibilità, un’ontologia naturale come teoria dell’inemendabilità e un’ontologia sociale come teoria della documentalità. Scopo è dimostrare che ogni vocazione decostruttiva intrinseca alla filosofia deve misurarsi con la realtà e che ogni decostruzione senza ricostruzione è irresponsabilità. Il nuovo…

View original post 1.140 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...