Anna Édes di Dezső Kosztolányi, un capolavoro della letteratura ungherese – Recensione

Mille Splendidi Libri e non solo

Titolo: Anna Édes

Autore: Dezső Kosztolányi

Editore: Anfora Edizioni

pp. 272

Traduzione di Andrea Rényi e di Mónika Szilágyi

A cura di Mónika Szilágyi

 Postfazione di Antonella Cilento

Recensione di LV

Anna Édes è uno di quei libri di straordinaria bellezza e semplicità che parlarne diviene molto difficile senza rischiare di rivelarne l’avvenimento su cui è costruita tutta la vicenda.

“Acqua cheta rovina i ponti” recita un famoso detto, dove per acqua cheta si intende quell’acqua che scorre apparentemente innocua, ma che nel suo progressivo e inesorabile scorrere tutto travolge e corrode.

img_1593 Clicca per acquisto

Anna Édes è proprio così, prende le cose alla lontana per poi travolgere impetuosamente il lettore e questo grazie alla prosa limpida e essenziale di Deszö Kosztolányi.

Ma chi è Anna Édes? Una serva. Una “figlia del popolo” a servizio di una borghese famiglia dell’Ungheria post repubblica sovietica. La vicenda, infatti, parte proprio dal giorno in cui Bela…

View original post 397 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...