Il Pittore Fulminato

PARLA DELLA RUSSIA

Io che faccio della lettura una cosa bella della vita, della mia vita e di chi mi sta intorno resto sempre tanto stupita quando incontro la bellezza. Sì, perché la bellezza è cosa rara. I libri possono piacerci per millemila motivi. Perché in essi ci riconosciamo o perchè ignoriamo le situazioni che narrano, perché siamo affascinati dagli argomenti o perché sognamo di essere un personaggio, perché ci fanno ridere, o piangere o arrabbiare o ci spingono a guardarci dentro e scavare. In fondo, sempre perché ci aiutano a capire un po’ di più di noi e del mondo.

Un libro come Il pittore fulminato di César Aira è altro però. È un libro bello e basta. Quando uno scrittore raggiunge queste vette quasi temo di leggere altro di suo. Temo di scoprire che si è trattato di un caso nella sua esperienza artistica. Sì, perché in questo libro Aira raggiunge…

View original post 442 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...