Catherine Smits – I vuoti della tua assenza

marcellocomitini

Alan Ghertman Alan Ghertman

Se un giorno m’incontrassi
Che inghiotto i vuoti della tua assenza
Bramando la carità di un dio che invento
Non pensare che io sia folle
Per i miei gesti ampi
La mia bocca come un cannone
Che sputa il mio dolore
Non pensare che io sia folle
Rimastico il tuo silenzio
Afferro al volo
Quello che ricordo
Il tessuto la tua pelle
E l’arpa delle tue mani
Poi lancio come il cervo
Il grido necessario
Alla mia sopravvivenza

Catherine Smits
(traduzione di Marcello Comitini)

Les trous de ton absence

Si un jour tu me croises

Gobant les trous de ton absence

En bramant l’aumône d’un dieu que j’invente

Ne pense pas que je sois folle

Avec mes gestes amples

Ma bouche comme un canon

Qui crache ma souffrance

Ne pense pas que je sois folle

Je brasse ton silence

J’attrape au vol

Ce dont je me souviens

Le…

View original post 27 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Catherine Smits – I vuoti della tua assenza

  1. marcello comitini ha detto:

    Grazie del reblog, Marino!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...