La vita irreparabile

Merlin Cocai

Arrivare a un’età in cui quasi niente è più possibile. Essere condannati a non viaggiare più, a perdere spesso l’equilibrio e cadere più o meno rovinosamente, a credere di aver appetito e non averne più dopo due bocconi, a chiedere cento volte la stessa cosa perché ogni volta te la dimentichi, a non poter prendere una qualunque iniziativa (nemmeno cucinarti un piatto di pasta) perché i tuoi movimenti non hanno più coordinazione. Questo è ciò che ci aspetta, tutti quanti, se avremo la fortuna (!) di vivere a lungo. Grazie, infinite grazie ai medici che si sono preoccupati di farci vivere sempre di più. Vivere per vivere. Se poi è una vita che somiglia a una galera, vabbe’, poi penseremo anche a quello. Poi.

Intanto, in quella infinita sofferenza, quando ci renderemo conti di avere soltanto desideri impossibili da soddisfare, quando dipenderemo in tutto e per tutto da persone che…

View original post 141 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...