Quando sono morto sembra niente: in realtà non è proprio così netto il niente. Certo, è tutto nero, questo nero che è la quintessenza di niente. Infatti, il niente mi attacca con la sua vetusta aggressività marcita da tutte le parti di questo essere che quasi sempre è un non essere la vita. Gli occhi spiritati, il bianco attorno alle pupille e nessuna ciocca di capelli al vento come fossi marmo senza lacrime. E il niente mi custodisce nella teca d’un viso. — indifferentemente

via Quando sono morto sembra niente: in realtà non è proprio così netto il niente. Certo, è tutto nero, questo nero che è la quintessenza di niente. Infatti, il niente mi attacca con la sua vetusta aggressività marcita da tutte le parti di questo essere che quasi sempre è un non essere la vita. Gli occhi spiritati, il bianco attorno alle pupille e nessuna ciocca di capelli al vento come fossi marmo senza lacrime. E il niente mi custodisce nella teca d’un viso. — indifferentemente

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...