JORGE LUIS BORGES – SONO I FIUMI

Letture/Lecturas

Jorge Louis Borges
Sono i fiumi

da: I congiurati, Lo Specchio, Mondadori, 1986
a cura di Domenico Porzio e Hado Lyria

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Giuseppe Tartini – dal : Cello Concerto in D major
Jozef Podhoransky Violoncello
Slovak Chamber Orchestra
Bohdan Warchal Violin / Conductor

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Siamo il tempo. Siamo la famosa
parabola di Eràclito l’Oscuro.
Siamo l’acqua, non il diamante duro,
che si perde, non quella che riposa.

Siamo il fiume e siamo anche quel greco
che si guarda nel fiume. Il suo riflesso
muta nell’acqua del cangiante specchio,
nel cristallo che muta come il fuoco.

Noi siamo il vano fiume prefissato,
dritto al suo mare. L’ombra l’ha accerchiato.
Tutto ci disse addio, tutto svanisce.

La memoria non conia più monete.
E tuttavia qualcosa c’è che resta
e tuttavia qualcosa c’è che geme.

View original post

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a JORGE LUIS BORGES – SONO I FIUMI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...