Il vero miracolo del Gruppo di lettura

GRUPPO DI LETTURA

Geroge Ault, Studio Interior, 1938 (Wikiart.org)
Geroge Ault, Studio Interior, 1938 (Wikiart.org)

Accettare di leggere un libro che non abbiamo sul comodino.

Anche se l’energia che spinge i gruppi di lettura è  – quasi sempre –  il semplice desiderio e bisogno del lettore di parlare delle proprie letture, il miracolo che li rende possibili è un altro. È il compromesso che i lettori accettano: leggere un libro che è stato scelto da altri. O meglio, leggere un libro che interrompa la serie dei libri che abbiamo deciso, per i fatti nostri, di leggere. E far entrare, in questa serie, un libro frutto di un compromesso.
È un lettore che si trasforma, almeno in parte, per questo periodo dedicato al libro del Gruppo.
Per i lettori accaniti, appassionati, è una trasformazione complicata: mettere da parte la propria lista per dedicare le ore (probabilmente) più profonde della giornata a un libro (probabilmente) bello ma che forse abbiamo…

View original post 288 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...