Damien Hirst, la provocazione è servita

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Chi è stato alla Fondazione Prada, a Milano, sa di cosa parlo.

damien hirst a way of seeing A way of seeing

Un robot in tenuta da lavoro, analizza vetrini di sangue in un laboratorio sigillato come un aquario. Segni particolari: si muove.

damien hirst tears for everybody's looking at you Tears for everybody’s looking at you

Sì, la pioggerella esce fuori. E poi ci sono le installazioni a base di mosche…

Damien Hirst è un artista inglese che negli anni Novanta prese attivamente parte al movimento dei Brit Artists, un gruppo di giovani artisti inglesi interessati soprattutto alle arti visive, e ne divenne presto il principale esponente. A 16 anni Hirst fu portato da un suo amico – che studiava biologia – a visitare l’obitorio di Leeds, e rimase particolarmente affascinato dai corpi che si ritrovò davanti. Il risultato di quella visita – disse – fu che la morte, declinata in varie forme e contesti, divenne il tema centrale delle sue opere. Nel 1992…

View original post 314 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...