“Dispersi” di Inaam Kachachi è un romanzo sull’Iraq di oggi e sulle migrazioni

editoriaraba

Quando nel 1955 la giovane e timida Wardiya lascia la sua famiglia per andare a lavorare come medico a Diwaniya, nel sud dell’Iraq, erano ancora poche le donne medico in tutto il paese.

Di sicuro lei era la prima dottoressa mai sbarcata col treno in quel paesino tranquillo e conservatore, a metà strada tra la capitale Baghdad e Bassora, il grande porto commerciale dell’Iraq. Ben presto Wardiya diventa la ginecologa di riferimento per le donne della zona: apre il primo reparto maternità dove lei, cristiana, cura le donne di ogni religione e provenienza. A Diwaniya conosce suo marito, un bel medico biondo e con gli occhi azzurri, si sposa e fa quattro figli, che negli anni emigrano alla spicciolata per sfuggire dal loro paese crudele.

A Diwaniya, Wardiya osserva l’evolversi dell’Iraq, da giovane Repubblica piena di promesse, poi ostaggio dei tanti colpi di Stato, fino alla trasformazione in un buco…

View original post 1.119 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...