Una perpetua smania per le cose remote

LIBRIMPROBABILI


Io non so dire per quale precisa ragione quelle direttrici di scena che sono le Parche mi abbiano voluto umiliare a questa parte meschina di un viaggio a balene, mentre altri sono stati destinati a parti magnifiche in grandiose tragedie, e a parti brevi e facili in commedie brillanti, e a parti buffe in farse; non so certo dire perché; tuttavia, ora che ripenso a tutte le circostanze, credo di riuscire a intravedere qualche cosa delle molle e dei motivi che, abilmente presentati ai miei occhi sotto travestimenti vari, m’indussero ad accingermi a recitar la parte che recitai, lusingandomi per sovrappiù con l’inganno che si trattasse di una scelta sgorgata dal mio imparziale libero arbitrio e avveduto giudizio.

Tra questi motivi, il principale fu l’idea schiacciante della grande balena in se stessa. Un mostro così pieno di prodigio e di mistero suscitava tutta la mia curiosità. Poi, i mari…

View original post 125 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in antropologia, economia della condivisione, laboratorio di scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...