Le masciàre – come i baresi scoprirono la formula magica delle streghe

di Ruderi e di Scrittura

Untitled design (2)

Avvenenti nell’aspetto e temute fedeli sacerdotesse del demonio, le gatte masciàre erano donne malvagie e maestre delle arti più raffinate di seduzione. Con il loro fascino circuivano gli uomini più deboli che oltre a divenire mariti o amanti, erano gli ignari strumenti delle loro diavolerie. Garantita la copertura, vivendo come semplici popolane durante il giorno, la vera natura di queste streghe veniva manifestata nell’ora più tarda della notte, quando fatti addormentare i consorti, salivano sul punto più alto della casa e privandosi delle loro vesti si cospargevano di olio masciàro pronunciando la famosa formula magica:

Sop’a spine e ssop’a saremìinde
M’àgghi’acchìa a Millevìinde.
(Su spine e su sarmenti, mi troverò a Malevento)

Libere, unte e nude, per trasformarsi si lanciavano nel vuoto e atterrate su quattro zampe al suolo correvano all’adunanza per le maledizioni. L’arco a crociera della Corte Cavallerizza era il luogo da sempre designato per formare il malefico cerchio…

View original post 643 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in antropologia, economia della condivisione, il mondo invisibile, polis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...