una forma la cui conoscenza è illusione

cheremone

8032807057835_0_0_300_75Il Pasolini (Europictures, 2014) di Abel Ferrara aggiunge poco alla vicenda dello scrittore assassinato all’inizio del novembre del 1975, ma pare più che altro un omaggio di un grande registra all’altro.

La parte di PPP è affidata al sempre ottimo William Defoe ed il film segue le ultime due giornate di vita del protagonista, tra disarmanti interviste alla stampa, preoccupazioni per il clima politico di quegli anni, stralci delle sue ultime cose (l’allora imminente uscita di Salò, il lavoro sul postumo Petrolio) e frequentazioni di quei ragazzi di vita che lo porteranno al martirio.

La scelta più straniante e curiosa di Ferrara è quella di inserire nel film squarci di film mai realizzati (come la messa in scena di una delle pagine più forti di Petrolio) o solo abbozzati, come una sceneggiatura che avrebbe voluto come protagonista Eduardo DeFilippo, la cui parte è…

View original post 22 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di scrittura, video. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...