Eron, la resilienza al potere

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Nel nuovissimo quartiere CityLife di Milano spunta una monumentale opera d’arte. Mille metri quadrati realizzati da Eron: visioni sfumate, poetiche, filo spinato “scritto” con i nomi dei continenti, a cancellare divisioni e a favorire l’integrazione. Non a caso, l’opera si chiama “Walls are love’s limits”. Dunque un’opera dal forte connotato politico, un messaggio di apertura e di inclusione, una sfida alle barriere che sempre più delimitano la società.

La parete è coperta da un disegno che crea una specie di illusione ottica: sembra di potere vedere, al di là della foschia tipica milanese, il paesaggio reale, abbozzato in alcuni tratti, più finemente ritratto in altri, in un connubio sfuggente e quasi onirico, ma, al tempo stesso, concreto e reale.

Eron ricostruisce un teatro dei simboli, delle ombre e della memoria, utilizzando esclusivamente la sua pittura. L’opera è una quinta scenografica, o ancor più precisamente uno schermo, su cui…

View original post 81 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 66 years old
Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di arte. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...