Autoritratti impressionisti: come si vedevano Monet, Renoir e gli altri?

La sottile linea d'ombra

Pochi movimenti artistici al mondo godono della fama dell’Impressionismo, così come pochi sono i movimenti in cui ad essere famosi e celebrati sono molti degli esponenti, in questo caso degli artisti rivoluzionari alla ricerca di una pittura fresca e reale, contro ogni accademismo.

Dopotutto, ci troviamo nell’eccezionale cornice culturale della Parigi di metà Ottocento, quindi non ci stupiamo nemmeno di fronte ad una condizione tanto singolare.

Originali e amatissimi, dunque, ma come vedevano sé stessi i grandi maestri dell’impressionismo?La galleria che vi propongo oggi vi mostra gli autoritratti di Monet, Degas, Renoir, Caillebotte, Manet e Bazille, e credo proprio che il confronto possa risultare interessante: si tratta di opere diversissime tra loro, capaci di riflettere molto del loro autori.

Claude Monet 

Iniziamo dal più famoso, Claude Monet, colui che, con il capolavoro Impression, Soleil levant, dà il nome all’intero movimento. Vi propongo due suoi autoritratti, eseguiti a…

View original post 493 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di arte. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...