Non (ri)Conquistammo che… Gallarate: la verità è che sono uno stalker

LIBRIMPROBABILI


Indomito, instancabile, tonitruante, mi accingo alla mia seconda sessione di vendita diretta di Non Conquistammo Che Sabbia, il mattone che se non ti uccide ti piace ®, edito da BiancaeVolta.

Lo chiamano ‘firmacopie‘. O anche ‘incontro con l’autore‘. No, caro Utente Medio di WordPress: non è così. Ora che l’ho sperimentato posso dirti in tutta onestà che ha più a che fare con lo stalking, o nella migliore delle ipotesi con l’attività missionaria di un Testimone di Geova.

Tu immaginati di entrare in una libreria. Curioso, distratto, svagato. Magari non hai nemmeno voglia di comprare un libro. Vuoi solo farti i fatti tuoi e avere il sacrosanto diritto di buttare dieci minuti della tua vita. Vedi un tizio che ti guarda di sottecchi – io – ma non gli dai peso, è un cliente spaesato, forse solo un altro come te capitato lì…

View original post 165 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...