Quando i luoghi hanno un’anima: perché parlare di viaggio in un blog di arte e poesia?

La sottile linea d'ombra

Navigando su internet è facilissimo trovare informazioni molto utili e guide turistiche di ogni tipo e oggi chi si prepara per un viaggio ha fin troppa scelta. Perché quindi aggiungerci anche noi a questa folta schiera?

Come qualcuno di voi forse si ricorderà, fino a qualche tempo fa ogni tanto ci concedevamo, da appassionate viaggiatrici, qualche articolo su questo tema, così in questa bella primavera in cui siamo già pronte a sfogliare le guide, abbiamo deciso di riprendere in mano la sezione viaggio. L’intento però è di parlarne come piace a noi, ovvero 100% inutile a livello pratico e logistico, ma 100% interessante – speriamo 😉 – per chi ama l’arte, la poesia e la cultura in generale.

Non vi proporremo i dieci monumenti più famosi da vedere a Parigi o i cinque ristoranti migliori di Berlino, ma piuttosto ci piacerebbe condividere con voi quello che ha reso speciali i…

View original post 281 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in antropologia, economia della condivisione, laboratorio di scrittura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Quando i luoghi hanno un’anima: perché parlare di viaggio in un blog di arte e poesia?

  1. ehipenny ha detto:

    Io non vedo l’ora 😊

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...