Velimir Chlébnikov – interno poesia

Bambina! Se gli occhi sono stanchi d’esser larghi, se acconsentite a chiamarmi «fratello», io, occhicèrulo, giuro di tener alto il fiore della vostra vita. Vedete, io sono cosí, sono caduto da una nuvola, 152 altre parole

via Velimir Chlébnikov — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...