Visioni lacerate e linguaggi di poesia: “Luciano” di Danio Manfredini

PAC magazine di arte e culture

FRANCESCA DI FAZIO | Di follia e marginalità è popolato Luciano, il nuovo spettacolo di Danio Manfredini presentato all’Arena del Sole di Bologna all’interno di Vie Festival.
Luciano esce dai corridoi della psichiatria ed entra nel teatro della sua mente, popolato di presenze inquietanti, di storie di droga, perversioni e marchette, costellato da individui che una maschera in lattice rende ancora più inquietanti. Luciano è l’unico a viso scoperto e, se si escludono pochi dialoghi di queste figure sputate fuori dai sobborghi di un luogo indefinito e triste, è l’unico a tentare di comunicare con un linguaggio che esca da quella realtà prosaica per farsi più etereo. Il filo dei discorsi si perde in grottesche ironie poetiche, che rimpastano famosi versi di poeti del ‘900 nel suo linguaggio affannato e sconnesso, nelle sue parole strascicate e a ruota libera.

luciano4

Con questo spettacolo Manfredini riattraversa di fatto alcuni temi già…

View original post 361 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 66 years old
Questa voce è stata pubblicata in azione scenica, economia della condivisione, laboratorio di arte. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...