Jan Brokken, Anime baltiche. “Vivere un’epoca interessante è una maledizione”.

Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Nella mia memoria sono rimasti impressi i boschi dell’Estonia, come una zona d’ombra tra l’est e l’ovest o tra il nord e il centro dell’Europa. E i campanili delle chiese di Pärnu, quelli luterani a punta e quelli russo-ortodossi a cipolla. E le case di legno, le cui persiane nascondevano tanta storia.

Anime baltiche, di Jan Brokken, Iperborea 2014, traduzione di Claudia Cozzi e Claudia Di Palermo, in copertina foto di Antanas Sutkus

Brokken baltiche Lotti e ClausSono felice di avere letto il libro di Brokken in questo periodo; lo sono per molti motivi. Naturalmente perché è un libro pieno di suggestioni, dotto senza essere pedante, stimolante e capace di sollevare veli su fatti e persone che non tutti conoscono. Storia, arte, letteratura, musica si fondono per consegnarci un ritratto che, partendo dal passato – dalla fine dell’Ottocento – ci guida fino ai giorni nostri attraverso gli stati baltici, passando per eventi drammatici…

View original post 747 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in laboratorio di scrittura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...