Maria Del Vecchio – interno poesia

Simulacro Ho fabbricato con queste mie mani (quelle stesse che per anni t’hanno scelto, accarezzato, succhiato qualche organo) una statua di te simulacro del mio disamore. Di notte, nel grano bagnato striscio come una serpe mi arrosso le gambe, arrivo ai tuoi piedi e col piccone ti abbatto, ma lieve è il mio mestiere perché…

via Maria Del Vecchio — Interno Poesia

Annunci

Informazioni su glencoe

male 66 years old
Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...