Roberto Juarroz – interno poesia

Penso che in questo preciso istante chissà non ci sia nessuno nell’universo che pensi a me, che io sia il solo a pensarmi, e se morissi adesso, nessuno, neppure io, resterebbe a pensarmi. E questo è l’inizio dell’abisso, come quando mi addormento. Sono il mio proprio sostegno e me lo tolgo. Contribuisco a rivestire tutto…

via Roberto Juarroz — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...