Renzo Paris – interno poesia

Come sarà il mattino di domani, sarò ancora in piedi e la poesia sarà pur sempre una cosa da ragazzi? Lo chiedo a te, mia Sibilla, accucciata sopra un platano frondoso del Lungotevere, che come un fuso volteggiavi in un capodanno di bicchieri, lanciati nel cortile. La poesia è tornata bambina, indossa la tua vestaglietta…

via Renzo Paris — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...