DRG-1

Un giorno quando mi svegliai mi ritrovai cieco
sentivo camminare sul pavimento e sul soffitto
ma forse era solo un’impressione del momento.
Le ruggini antiche ormai avevano intaccato le grondaie
non erano più tempi delle lavandaie
e fuori non c’era nessun rumore
nessuno scalpore nella lontananza
anche la speranza se n’era andata via
amen e così sia.
Era stata una partenza dolorosa
era stata la spina della rosa
tutto era stato ordinato in fretta
era stata una partenza maledetta.
Niente destino niente irriverenza
solo una clandestina partenza
non si era controllato bene l’orario
neanche l’orologio funzionava
così come la testa con dentro
un rumore che ronzava.

© Inedito da: Cavallo pazzo e altri animali

Questa voce è stata pubblicata in laboratorio di poesia, laboratorio di scrittura, notes. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...