Maria Grazia Calandrone

come sono operose le creature, con che attenzione passano i pennelli sulle assi di legno eppure sanno di dover morire ma ora fanno e facendo dimenticano e sono dèi davvero, veramente immortali, in questa svolta di sole sulla prima verdissima erba di aprile questi quattro ragazzi col pennello e l’odore di fresco e di vernice,…

via Maria Grazia Calandrone — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione, laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...