L’Iliade, l’orrore della guerra

Blog di Pina Bertoli

A scuola abbiamo imparato a conoscere, chi più chi meno, il poema epico di Omero: l’opera simbolo della Grecia antica, scritta attorno al 730 a.C.

Il racconto di Omero rende immortale la guerra tra i due eserciti, troiano e greco (gli invasori achei), che si contendono la bella Elena, moglie di Menelao, fuggita con Paride, erede della dinastia che regna a Troia. La guerra – che dura ormai da dieci anni, in un continuo e logorante assedio, che porterà poi alla definitiva sconfitta di Troia – prende a pretesto la vicenda dei due amanti, ma in realtà è una lotta di potere ed espansione, della colazione greca guidata da Agamennone, re di Micene, contro la città da espugnare.

 iliade-libro-quarto12

Spesso le scene di battaglia, i racconti degli scontri cruenti sono stati esaltati e a chi non conosce a fondo il poema può apparire come una glorificazione della guerra.

 In…

View original post 385 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 66 years old
Questa voce è stata pubblicata in antropologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...