“Non si parte per andare da nessuna parte senza aver prima di tutto sognato un posto.”

Blog di Pina Bertoli

Zambon foto nel libroLa frase di Wim Wenders riportata nel titolo mi pare calzi a pennello con il libro che ho finito di leggere. Un libro che collega alcuni dei miei ambiti di interesse: le CE indipendenti e la narrativa di viaggio.

Sul primo punto mi sono già espressa e trovate i miei pensieri sparsi in vari post; la CE del libro in questione è Alpine Studio e, fino ad ora, non la conoscevo.

Nata inizialmente come una Casa Editrice che si proponeva la pubblicazione di una collana di libri di alpinismo, Alpine Studio è ora divenuta una realtà più ampia. Le collane in catalogo sono tre: A Voce Alta, temi d’inchiesta politica, sociale ed economica; Oltre Confine, narrativa di montagna e alpinismo. Orizzonti, narrativa di viaggio, italiana e straniera; l’opera di cui vi parlo oggi è inserita in questa collana.

Si tratta di “Inseguendo le ombre dei colibrì” di Paolo Zambon, Alpine…

View original post 1.470 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 64 years old
Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...