Curiosity killed the blogger – Gli Ovitz, i sette nani dell’Angelo della Morte

Barbara Picci

La famiglia Ovitz La famiglia Ovitz

27 gennaio 1945
Aushwitz era già stato abbandonato dai tedeschi in fuga quando i russi arrivarono e trovarono quel che era rimasto di centinaia di migliaia di esseri umani. Fra questi disperati c’erano i “lillipuziani“, la Banda Lilliput: i sette nani sopravvissuti grazie al loro singolare gene. Auschwitz
In realtà gli Ovitz, una famiglia di 10 fratelli composta da 7 individui affetti da pseudoacondoplasia, e per questo nani, e 3 di statura normale, sarebbero stati bersaglio immediato del programma nazista di eutanasia (forzata) chiamato Aktion T4. Le loro vite erano già tacciate di essere “indegne di essere vissute” (Lebensunwertes Leben) sia per la loro malattia sia perché contaminate dal gene ebreo.
Fu solo la famosa mania dei gemelli che ossessionava uno dei più importanti medici del campo di concentramento più efferato della storia, a decretarne la sopravvivenza. Non parlo di in…

View original post 871 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 64 years old
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...