Tomas Tranströmer

Aprile e silenzio La primavera giace deserta. Il fossato di velluto scuro serpeggia al mio fianco senza riflessi. L’unica cosa che splende sono fiori gialli. Sono trasportato dentro la mia ombra come un violino nella sua custodia nera. L’unica cosa che voglio dire scintilla irraggiungibile come l’argento al banco dei pegni. La lugubre gondola…

via Tomas Tranströmer — Interno Poesia

Annunci

Informazioni su glencoe

male 64 years old
Questa voce è stata pubblicata in laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...