5. Perché un funerale può salvarti la vita/3 (fine)

Il Silenzio Elegante

Commenti precedenti

La novità di cui abbiamo bisogno per dare senso ai nostri lutti, alle lacrime versate su un morto e alle nostre morti, si chiama Gesù. Non sto dicendo che non verseremo più lacrime, ma sto affermando che anche il dolore estremo può essere toccato da dito di Dio, così  da farci sentire il nostro cuore meno solo, anche se dolorante.

Necessitiamo di una speranza legata ad un nome, Gesù, e che trovi fondamento in una promessa che non è legata allo spazio, al tempo, alle circostanze, oppure a criteri mondani come il grado di ricchezza, i titoli di studio, le capacità relazionali o di leadership, etc.

laudatio-4

Ad un corteo funebre Gesù si fa incontro così da non permettere che le speranze ormai spente dei parenti più stretti e dei conoscenti, vengano seppellite insieme al defunto. Non è un preconfezionato e asettico “the show must go on“, ma…

View original post 102 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 64 years old
Questa voce è stata pubblicata in antropologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...