“BREVE STORIA DELL’ARTE DI RICORDARE” di Paolo Zellini

"Strane cose", il blog di Ettore

Sono spesso i miti a rivelarci la natura delle cose. Che cosa è la memoria? Quando possiamo dire di rammentare un evento del passato? Per saperlo faremmo bene a evocare, innanzitutto, Mnemosyne, divinità orfica e madre delle Muse, a cui Platone attribuiva il merito di averci donato la capacità di ricordare. Il dono della dea non era affatto qualcosa di impalpabile o evanescente: Platone lo assimilava a una materia malleabile, a una specie di cera plasmabile sulla quale, opportunamente esposta alle percezioni sensibili e ai pensieri, restavano impressi sigilli o immagini di varia natura. E appunto su quelle immagini si innestava la nostra capacità di rappresentazione, l’esercizio della phantasia, che era pure la via, obbligata ma insidiosa, per accedere a una visione più autentica ed essenziale delle nostre esperienze. Così furono interpretate dai neoplatonici anche le traversie di Odisseo: un continuo smarrire la meta prefissa, l’approdo a Itaca…

View original post 681 altre parole

Annunci

Informazioni su glencoe

male 64 years old
Questa voce è stata pubblicata in antropologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...