Mario De Santis — Interno Poesia

Atacama


Il deserto Atacama Per A.U. 1. Quando alla fine siamo pressati, le stanze abolite, unico e abnorme, privatissimo, ci resta un cunicolo: il metro cubo dei senza-terra che siamo diventati. Solo aria, la musica feroce, lunare, custodita in un sacco, una crosta di pane, un rimedio, un odore che finalmente posso dire mio, per quanto…

via Mario De Santis — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...