Sentieri nel ghiaccio di Werner Herzog

dispersioni

Novembre 1974, il regista Werner Herzog intraprende un viaggio a piedi da Monaco a Parigi per raggiungere Lotte Eisner, un’amica gravemente ammalata: “Presi la strada più diretta per Parigi, nell’assoluta fiducia che lei sarebbe rimasta in vita, se io fossi arrivato a piedi. A parte questo, volevo essere solo con me stesso”. Gli appunti di questo viaggio saranno raccolti nel volume Sentieri nel ghiaccio, un testo in cui Herzog confessa di aver superato la riluttanza a scoprirsi a sguardi estranei.
Giorno per giorno, nella dimensione diversa e straordinaria del viaggio a piedi, il volume è il diario di paesaggi freddi, di neve, fango e pioggia, di fatica, ma anche di uomini e donne incontrati o intravisti, di cani, topi, case abbandonate, campagne desolate e silenziose, strade trafficate. “Perché andare è così doloroso? Mi faccio coraggio da me stesso, perché non c’è nessun altro a farmelo […] Tanti cani, dall’auto…

View original post 87 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...