Nichita Stănescu — Interno Poesia

Racconto sentimentale In seguito ci vedevamo sempre più spesso. Io stavo a un’estremità dell’ora, tu − all’altra, come le due anse di un’anfora. Solo le parole volavano fra di noi, avanti e indietro. Il loro vortice pareva essere quasi visto, e all’improvviso, piegavo un ginocchio, e poggiavo il gomito a terra, solo per vedere l’erba…

via Nichita Stănescu — Interno Poesia

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...