Si è lacerato l’abbraccio dell’edera

biancabiblog

si è lacerato l’abbraccio dell’edera

un’assenza è rimasta nei luoghi comuni

nelle mie stanze una fioca luce

e penombra di parole

cocci sparsi idee sgualcite

ho preso il primo vento che passava

per guardare alle nuvole gli occhi

e imparare da loro ad ammaestrare il vuoto

qualcuna si è fatta cupa…

il vento è fermo all’ultima stazione

un corvo gracchia minaccioso

o forse ride? fugge?

si sfaldano le nubi in piogge sanguinose

l’altitudine gravida di precipizi è partoriente

che si apparecchi il posto vuoto

m’avvinghi ancora alla sua pietra il suolo

rialzatemi fiori e bambini

ché ho confuso il cadere col volare.

Bianca Bi

View original post

Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Si è lacerato l’abbraccio dell’edera

  1. Bianca Bi ha detto:

    Grazie glencoe, troppo gentile. B.B.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...