l’elaborazione punta sempre al pensiero : Zygmunt Bauman



Pubblicato il 04 lug 2012
Zygmunt Bauman: classe 1925 sociologo e filosofo polacco, oppositore del regime nazista, combattente della 2 guerra Mondiale, a suo tempo ha aderito al partito comunista sovietico da cui si è andato distaccandosi, avicinandosi a Gramsci, man a mano che ha sviluppato la sua critica al Totalitarismo, fuggito dalla Polonia negli anni sessanta, a seguito dei rigurgiti dell’antisemitismo, perchè alcuni demoni mai sono stati e saranno sconfitto, andò esiliato in Israele e infine in Inghilterra, di cui è cittadino Ha legato la sua fama ai suoi lavori sul rapporto fra Modernità ed Olocausto, al passaggio fra Modernità e post Modernità ed al concetto di Società Liquida.
Nei suoi libri sostiene che l’incertezza che attanaglia la società moderna deriva dalla trasformazione dei suoi protagonisti da produttori a consumatori. In particolare, egli lega tra loro concetti quali il consumismo e la creazione di rifiuti umani, la globalizzazione e l’industria della paura, lo smantellamento delle sicurezze e una vita liquida sempre più frenetica e costretta ad adeguarsi alle attitudini del gruppo per non sentirsi esclusa ( Tratte da Wiki)
Nel video delinea contro ogni facile profezia di integrazione, ed ogni rifiuto dell’integrazione:

“Ogni città è una collezione di diaspore: di religione, di linguaggio, di culture, di etnie. Non esiste un ricetta per l’integrazione”. È la riflessione di Zygmunt Bauman, che in video introduce il confronto tra rappresentanti istituzionali, intellettuali, sociologi e specialisti dal titolo “Lingua, immigrazione, integrazione. Parlarsi, incontrarsi, conoscersi”, promosso dalla Camera dei Deputati in collaborazione con la Società Dante Alighieri e IntegrAzione, che si terrà nell’aula di Montecitorio il 5 luglio. Una riflessione sul diritto di cittadinanza in Italia con al centro l’apprendimento della lingua.

Bauman: “Le emozioni passano i sentimenti vanno coltivati”

Questa voce è stata pubblicata in polis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...