leggi la lirica ascolta la musica – Dentro /Dakota Suite : This failing sea/Hands swollen with grace/I’m Leaving You





dentro alla casa
al sicuro dietro la porta
dietro il muro
al sicuro dentro la cassa
al sicuro dentro una fossa
dentro un muro
di sanità la limpidezza attraversa
uno sguardo d’acqua

dentro spirali di vetro
forme serpente
distese di ombrellini rossi
sono sistemati
tutti gli apparecchi rotti
attorno le siepi con i fossi

nessuna creatura
alcuna
soltanto l’ombreggiature
al chiaro di luna

freschi capitelli
risparmiati dalla costruzione
indiscriminata di palazzi
prima vuoti poi affittati

durante i fine settimana
spariscono gli spettri
tornano ad essere occupati
da studiosi avanti con gli anni

dipendenti falliti
attaccati ad un progetto
mai nato mai iniziato
nel giorno del riposo
fare il bucato
fare il bucato a mano

pensieri che si accavallano
come sbadigli

per un momento
tutto si mescola
nel primo mattino
dopo che si aperto
l’occhio
si è reso conto
della luce che filtra
dalla fessura sotto il balcone

in qualche modo si sa
non c’è più la notte
ci si riaddormenta quel tanto che basta
per una immersione
nel sogno leggero
che poi non si dimentica

come vedere con
una lente di ingrandimento
si potrebbe giocare
senza fine
guardando le piccole cose
con divertimento

le cose che mai non si vedono
senza inizio e senza fine
quelle che facendo disastri
si calpestano

tutto, ma proprio tutto
contare e ricontare
di ogni cosa
cercare di ricordare
ricordare per poi
in qualche modo
malamente raccontare

riprende il sopravvento
la vicissitudine
delle mani bucate
nei momenti di solitudine

carte e cartacce
portate da un vento implacabile
come cani sciolti
si è preda degli eventi
come cani sciolti abbandonati
da padroni inesperti

sempre viaggiatori di treni stanchi
occupanti di vagoni
vuoti a perdere
passare notti dormendo
con almeno un occhio
sempre aperto

quello sguardo di traverso
incrociato un giorno
al cancello

poi passa tutto
una dopo l’altra
come è stato negli altri tempi
tutte le cose
se ne vanno

in tutti i tempi che passeranno
passa l’acqua sotto il ponte
fino a che ponte il fiume l’acqua
che attraversa di sotto
resteranno

niente è eterno
il ponte potrebbe cascare
cosi come l’acqua
dalla fonte potrebbe non più arrivare

come fu al tempo del grande gelo o
forse fu al tempo del troppo disgelo
chi mai lo ricorda
ma in fondo in fondo
chi se ne importa

link Youtube – Dakota Suite : This failing sea/Hands swollen with grace/I’m Leaving You
© lyric by Marino Pancheri, 2015. Tutti i diritti riservati.

Questa voce è stata pubblicata in Come capitani coraggiosi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...