[0] my dear



My dear
di cosa domandarsi ora in questo momento di caos di cosa fare girare giostrare nelle nostre menti e nei nostri cuori
di cosa nutrire il nostro spirito antico e malato malato di agiatezza o di timidezza o di inconscia paura di un nulla che ci possa di colpa inghiottire prima i nostri cari tutti i nostri cari cosi proveremo il vero e inconsolabile dolore e poi di noi stessi di cui non so se proveremo pietà.
A questo cerca riscontro nella scena della elaborazione viva in tempo reale delle menti che riflettono su di noi ora adesso e che si propongono nel comunicare la sostanza del fatto accaduto adesso in questo momento nel fatto che ci accade adesso in questo momento cosi da non sentire soltanto il nostro assoluto isolamento ma vedere che ci sono altri assoluti isolamenti che parlano da questo noi possiamo attingere come da pozzi di acqua nel deserto in cui viviamo.
Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in economia della condivisione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...