leggi la lirica ascolta la musica – Senza titolo /Ólafur Arnalds : Fok



spavalde fisarmoniche
farfalle appoggiate
al cancello della rete
crudelmente arrostite
da un sole a strisce e a stelle

altro di tempo con
caratteristiche precise
le creature viste da vicino
tutte scure da penetrare le finestre
le ruote vuote delle biciclette

il re del cortile
il re delle pizze
il re di aprile
i pomeriggi d’inverno in estate
passati dietro le finestre

a guardare il niente
il tetto di una fabbrica spiovente
lo spazio vuoto sbiadito di verde
la poca erba sulla terra dura
in un angolo un pezzo
di costruzione abbattuta

di giro in giro
a suonare gli amici di campanello
trovati per caso
mettendo la testa fuori dal cancello

mai dette in tutta la vita
cosi poche parole
davanti alle porte
che si aprono da sole

mai fare niente
mai niente da fare
in epoche poco note
che non possa durare

fatta poi la prima cosa
ognuno va via
per la sua strada senza voltarsi
con la sua verità in tasca
la carta con il tempo è scaduta
la carta che era fresca di stampa

link Youtube – Ólafur Arnalds : Fok
© lyric by Marino Pancheri, 2015. Tutti i diritti riservati.

Questa voce è stata pubblicata in Come capitani coraggiosi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...