leggi la lirica ascolta la musica – Senza titolo /Pale Saints : Blue Flower



a piedi comincia questo giorno
non pensare positivo
se ascolti il telegiornale
per forza comincia male
come vedere da lontano
il proprio funerale

invece pensa bene
pensa diverso
non è tutta colpa tua
non è colpa di te stesso

se la spassano davvero bene
oltre le mura del castello
la fregatura ti aspetta di fuori
sorvegliata dai bravi alligatori

che forza danno certe cose
prima serve
un momento di riflessione
senza dare nell’occhio
hai bruciato il televisore

non è il caso di essere triste
per un drogato recuperato
che ha bruciato anche le riviste
di fitness di tatuaggi
dei futuri esotici viaggi

limita le apparizioni
la fiducia strampalata
la zattera di salvataggio
la boa in mezzo al mare
un ormeggio di coraggio

che cazzo ti prende
se niente ti offende
sei senza spina dorsale
ti senti cosi bene nel velluto
tutto quanto ti protegge
conviene che non ti domandi
proprio niente

se nelle situazioni
trovi tutto normale
sei solo uno schiavo
uno schiavo del fare

libero di fare
quello che fanno gli altri
quello si che ti è permesso
quello che sembra normale

perso di sensibilità
resistere solo per esistere
non aspettarti niente che non si dà
prendi quello che viene lascia quello che va
solo il cuore intelligente ti può guidare
in questo frangente ti può salvare

nell’orizzonte delle decisioni
da quando è diventato
il mercato delle vacche
non c’è da farsi illusioni

chi guida la baracca
naviga a vista
tutta pubblicità sulla tua pelle
la loro soddisfazione quella presente
teste affittate da loro stessi
le loro intenzioni sono evidenti

scorre il tempo
per i naufraghi spaziali
la sfera ci fa vedere
il prossimo futuro
quando saremo anche morti
un aspetto di serenità
un distacco con almeno
una presa di distanza di dignità

tutto uno sperdersi
nella moltitudine di una nuvola
un muoversi assieme
la speranza è l’ultima a morire
di non essere ingoiati vivi
dai grandi carnivori

una pura illusione
una catarsi
una certa probabilità
che non dura sempre
solo un altra volta per salvarsi

un cercare di evitare
i ritorni della storia
dove più o meno
con qualche variazione
si ripete sempre lo stesso copione

tutti i rifugi sono già stati occupati
da quelli di prima
che adesso sono già scappati

link Youtube – TPale Saints : Blue Flower
© lyric by Marino Pancheri, 2015. Tutti i diritti riservati.

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in lirica, musica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...