Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij – Poesia: Morire in levità

Andreij Tarkovskij rilegge le poesie del padre Arsenij.In particolare questa poesia diventa il cuore pulsante nel film Nostalghia.



Si oscura la vista
La mia forza sono due occulti dardi adamantini,
Si confonde l’udito per il tuono lontano
della casa paterna che respira
dei duri muscoli i gambi si infiacchiscono,
come bovi canuti all’aratura
e non più quando è notte alle mie spalle splendono due ali
nella festa, candela, mi sono consumato
all’alba raccogliete la mia disciolta cera
e, lì, leggete chi piangere, di cosa andar superbi
come, donando l’ultima porzione di letizia:
morire in levità
e al riparo d’un tetto di fortuna,
accendersi postumi
come una parola.

Questa voce è stata pubblicata in laboratorio di poesia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij – Poesia: Morire in levità

  1. Lucio Mayoor Tosi ha detto:

    Grazie, ho ribloggato a commento su Poliscritture.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...