Царь – Tsar di Pavel Lungin (2009) Full Film English Subtitle

Tsar ( russo : Царь) è un 2009 russo film drammatico diretto da Pavel Lungin . Si gareggiato nel Certain Regard sezione alla Festival di Cannes 2009 .

Il film è ambientato tra gli anni 1566 e 1569 durante l’era del oprichnina e la guerra di Livonia . Il film inizia dal momento in cui il russo ortodosso Metropolitan Afanasii è morto e lo zar Ivan IV ha convocato il suo amico d’infanzia, igumeno Filippo Kolychev del Monastero di Solovetsky . Il film è diviso in quattro parti.

1. La preghiera dello Zar. Lo Zar sta pregando nella sua cella e ha chiesto al Signore di aiutarlo nella sua attività. Nel frattempo, igumeno Filippo arriva a Mosca, e sul modo salva una ragazza Masha, che sta fuggendo da un gruppo di guardie. Ricevere l’igumeno quando arriva, lo zar lo invita a diventare metropolita di Mosca, ma Filippo rifiuta inizialmente. L’igumeno incontra suo nipote, che è in partenza per la guerra ed esorta l’igumeno di fuggire dalla zar, come quelli intorno a lui non si può sopravvivere. Lo zar torna a Filippo, dà Masha una icona della Madre di Dio , e convince igumeno Filippo a diventare Metropolitan. Filippo, testimoniando gli orrori commessi dal Oprichniki, sollecita lo zar di mostrare misericordia per i suoi nemici.

2. Lo Zar at War. Nipote di Metropolitan Philip combatte in una sanguinosa battaglia contro i polacchi e lituani a Polotsk. C’è anche Masha, che ha fuggito dal zar e portato l’icona. Grazie per l’icona, il ponte crolla sotto la cavalleria lituana. Polotsk governatore torna a Mosca, ma la notizia giunge che le forze lituane e polacche sono andati in giro per la parte posteriore della città e che il governatore si arresero alla città. L’infuriato Zar desidera eseguire tutti gli uomini del Governatore. Metropolitan Philip li difende, che innesca anche l’ira dello Zar. Il governatore viene arrestato, e Maljuta Skuratov marchi petto.

3. Wrath dello Zar. Gli ordini Zar Metropolitan Filippo a giudicare il governatore, e la corte convince gli uomini del governatore di tradimento. Rendendosi conto che gli imputati parlano la verità, Metropolitan Filippo rifiuta di firmare la condanna a morte. Nel frattempo, lo zar prepara loro esecuzione: si oppone loro uno contro uno contro un orso . Uccidere due comandanti, orso attacca Kolycheva. A questo punto, Masha corre nell’arena con l’icona e cerca di fermare l’orso. Uccide Masha con la zampa. Metropolitan Philip, inorridito dalla brutalità insensata dello zar, vedendo l’inutilità dei loro tentativi di convincere lo Zar a rinunciare alla violenza, entra nell’arena, e solleva l’icona. Nel corso di un servizio presso la Chiesa, si rifiuta di benedire lo zar, che si spoglia furiosamente il metropolita del suo rango e lo costringe a guardare l’esecuzione di suo nipote sul rack. Lo Zar decide di perdonare Philip se stesso, ma sempre lo esilia in un monastero, dove è trattato come un prigioniero ordinario, incatenato, priva anche di acqua.

4. divertimento dello Zar. Heinrich von Staden costruisce un “campo di tortura”, che si prevede di convocare il popolo alle feste e guardare la tortura dei prigionieri. Durante l’ispezione, dello zar giullare Vassian cita il Libro dell’Apocalisse , confrontando Marija Temrjukovna con la prostituta di Babilonia , per la quale lo zar lo brucia sul rogo. Nel frattempo, nel monastero catene di Filippo sono soprannaturale allentati, e riceve il dono della guarigione e lungimiranza. Si avverte l’Arcivescovo Pimen che saranno accusati nella sua morte. Filippo li incoraggia a correre e salvarsi. Tuttavia, l’abate, e quasi tutti i monaci stare con lui. Lo Zar arriva, ma ancora una volta Filippo lo accusa di violenza orribile e lui rifiuta una benedizione. Su ordine dello zar, Skuratov strangola Filippo con le sue mani. Nonostante l’ordine di consegnare il cadavere di Filippo, i monaci seppelliscono Filippo in una chiesa di legno e bloccarlo; guardie bruciare la chiesa con i monaci all’interno.

Scena finale – Lo Zar attende l’inizio delle sue torture. Nonostante l’ordine di assemblaggio, nessuno lo fa. “Dove sono le mie persone?” – Chiede lo Zar. Poi prega la Preghiera di Gesù poi di nuovo si chiede – “Dove sono il mio popolo”.


da Wikipedia con Google traduttore automatico.

Questa voce è stata pubblicata in video. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...